2. Portafoglio Bond Personalizzato

Intervista a Mario Allegra, Responsabile Investimenti Discrezionali in ALFA SCF

 

Oggi diamo la possibilità ai lettori di entrare all’interno degli uffici di ALFA e di comprendere direttamente dal Responsabile Investimenti Discrezionali, Mario Allegra, come funziona uno delle strategie pilastro della consulenza ALFA sui portafogli dei clienti, sia privati sia istituzionali.

Redazione: Buongiorno Mario, abbiamo ascoltato in una precedente intervista qual è la logica con cui ALFA struttura il portafoglio in consulenza, utilizzando diversi building block che fanno riferimento alle vostre strategie di investimento. Ora ci dedichiamo ad una strategia specifica, “Portafoglio Bond Personalizzato”. Quali sono le sue caratteristiche distintive?

Il Portafoglio Bond Personalizzato ha la caratteristica principale nell’essere per l’appunto personalizzato; ogni cliente, nell’ambito di questo building block di portafoglio, avrà un proprio paniere di titoli non necessariamente identico agli altri. In linea di massima, con questa strategia adottiamo un approccio conservativo agli investimenti, con un profilo di rischio medio/basso. Visto il suo alto livello di personalizzazione, è particolarmente versatile per molti clienti con esigenze di pianificazione finanziaria, flussi di cassa, gestione della liquidità, pianificazione successoria.

Redazione: Qual è il peso di “Portafoglio Bond Personalizzato” rispetto al portafoglio complessivo?

Per una buona pianificazione finanziaria le obbligazioni sono uno strumento essenziale in quanto hanno una data di rimborso e un rendimento a scadenza precalcolabile. Generalmente il peso previsto è variabile e dipende dal profilo di rischio del cliente e dai suoi obiettivi finanziari. Si tratta di una scelta che sta a monte, nelle dinamiche tra consulente e cliente. Ci possono essere casi in cui “Portafoglio Bond Personalizzato” lavora come unica strategia per il 100% della nostra consulenza al cliente, ma più spesso si affianca ad altre strategie di diverso stampo.

Redazione:  Bene, ma in questo momento storico le obbligazioni sono ancora interessanti?

Le obbligazioni per la loro natura sono uno strumento da sempre utilizzato nei portafogli perché si può lavorare con i rendimenti a scadenza. Ci possono essere dei periodi temporali in cui certe categorie possono essere penalizzate a causa di un forte aumento dei tassi, o un momento di recessione in cui ad esempio il rischio di credito generale aumenta. In tali situazioni si possono fare delle scelte conservative come ad esempio abbassare la duration piuttosto che andare su emittenti solidi, o ancora lavorare con i tassi variabili. Certamente i tassi decennali governativi vicini allo 0% sono uno scenario sfidante.

Redazione:  Raccomandate anche investimenti in bond in valuta?

Può essere inserita in questo building block una componente di bond in valuta che tenga conto sia del margine di apprezzamento della divisa in cui si va investire che della evoluzione dei tassi risk free del Paese selezionato. Generalmente il rischio cambio aumenta la volatilità dell’investimento quindi sono inseriti solo in portafogli con maggiore propensione al rischio.

Esiste inoltre in ALFA una strategia dedicata alle obbligazioni in valuta estera, seguita da un analista dedicato, che può essere inserita come building block a sé stante o in aaccostamento a “Portafoglio Bond Personalizzato”

Redazione:  Ogni quanto viene ruotato il “Portafoglio Bond Personalizzato”?

Non c’è una periodicità fissa con cui si ruota il portafoglio. La selezione è di tipo qualitativo dopo uno screening quantitativo su tutto l’universo investibile. I bond vengono monitorati con continuità per seguire la dinamica dei prezzi in funzione dei tassi, dei fattori macroeconomici e del merito di credito dell’emittente. I segnali di acquisto e di vendita, oltre a tenere conto di questi fattori, sono generati in linea con gli obiettivi concordati in fase di impostazione con il cliente.

Redazione:  Qual è l’universo investibile?

L’universo investibile di partenza è rappresentato da tutti i bond emessi in valuta EUR e in altre valute. Per ciascun cliente questo universo si riduce in un sottoinsieme investibile offerto dall’intermediario utilizzato. A questo si aggiunge la possibilità di inserire a completamento anche OICR obbligazionari.

Redazione:  Si possono quindi utilizzare anche OICR obbligazionari?

Sebbene il focus di questa strategia sia l’investimento in emissioni dirette, per motivi fiscali, di costi indiretti e di diversificazione è possibile anche l’inserimento di OICR obbligazionari. Esistono altresì in ALFA strategie di tipo quantitativo che si dedicano ad investimenti esclusivamente in fondi o ETF obbligazionari.

Redazione:  Grazie Mario, ci hai anche già dato un paio di spunti per approfondire altre strategie ALFA. Ringraziamo i lettori, in attesa di un nuovo approfondimento.

VISUALIZZA QUI LE ALTRE INTERVISTE SPECIALI SULLE STRATEGIE DI INVESTIMENTO