I trend del mercato italiano: analisi e spunti di Andrea Plevna

Leggi l’intervista pubblicata da Trendonline ad Andrea Plevna, che ha risposto a domande di analisi tecnica sull’indice Ftse Mib e su diverse blue chips italiane.

Eccone alcuni estratti:

“In questo momento è bene operare con molta attenzione valutando interventi sulla debolezza in corrispondenza di supporto interessanti.”

“Di recente abbiamo assistito ad una serie di sedute positive per i mercati azionari internazionali, compresa Piazza Affari dove il Ftse Mib ha trovato al forza di superare i 21.800 punti e di raggiungere l’ostica resistenza dei 22.000 punti. Gli indici azionari americani hanno fatto segnare quasi quotidianamente nuovi massimi assoluti e tutto ciò fino a tre giorni fa quando si sono presentate nuove tensioni tra Stati Uniti e Corea del Nord […] Quello delle tensioni geopolitiche è senza dubbio un catalizzatore molto importante che potrebbe condizionare l’andamento dei mercati nei prossimi giorni e nelle prossime settimane. Consapevoli anche dei bassi volumi di scambio che caratterizzano il periodo estivo in Borsa, potremmo assistere a dei movimenti amplificati, motivo per cui sarà bene operare con molta attenzione. ”

“Segnalo in primis Ubi Banca che ha un trend rialzista in atto ben definito e il titolo ha trovato la forza di superare la soglia dei 4 euro. A mio avviso sarebbe da monitorare un’eventuale debolezza per impostare nuove operazioni di acquisto. Il primo supporto di Ubi Banca lo possiamo individuare a 3,6 euro che a mio avviso è una buona area per acquisti sulla debolezza. […] ENI ha un trend di fondo ribassista anche a causa della mancata forza del petrolio in generale. Abbiamo notato che l’area dei 13 euro si è dimostra un valido supporto da cui il titolo è ripartito quindi volendo ipotizzare una strategia sulla forza suggerirei di intervenire al superamento dei 14 euro, evento che offrirebbe un nuovo segnale di forza per ENI.”

Non mancano poi approfondimenti su altri singoli titoli come ENEL, Banco BPM e SARAS.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO